21 Settembre 2022 - 09:25

Macia-Gotti, è già intesa: “Il suo lavoro un grande valore”

post
Ha non pochi risvolti “storici” l’incontro numero uno di ieri fra il nuovo responsabile dell’area tecnica Eduardo Macia e il tecnico dello Spezia Luca Gotti. Una stretta di mano andata in scena a Follo, dopo un lungo colloquio fra il dirigente e la squadra prima dell’allenamento. Quindi, anche il raffronto con Tiago Lopes, CEO del Casa Pia arrivato dal Portogallo e poi subito ripartito. La certezza si chiama proprio Luca Gotti, punto di partenza del suo sistema. Il compito di Macia sarà quello di aiutare l’allenatore a trasformare il lavoro in valore. Dopo anni di gavetta e di “secondo” ora sta dimostrando di poter davvero fare benissimo anche da primo.

I precedenti

Il Secolo XIX ricorda come nelle squadre con cui ha già avuto a che fare Macia abbia sperimentato situazioni diverse. A Bordeaux trovò lo stesso scenario di Spezia, con Paulo Sousa arrivato poche settimane prima. A Firenze, invece, Montella fu uno dei primi risultati della sua nomina. Il confronto e il feeling con Gotti è stato sicuramente positivo, con la fiducia espressa e rinnovata al tecnico. I due proseguiranno poi il rapporto a cena, con temi anche più ampi. I temi trattati sono ovviamente quelli di campo: la rosa, il lavoro e le cose da migliorare. Ai taccuini del quotidiano Macia ricorda cosa successe a Firenze: “Abbiamo portato Montella, che veniva dal Catania dopo averlo seguito a lungo. Aveva fatto il grande calcio, ma ha avuto l’intelligenza di farsi aiutare e ancora adesso è un ottimo allenatore. Serve un po’ di aiuto sempre e non è facile entrare nei meccanismi dei tecnici” ricorda. L’era del rinnovamento è iniziata.
(Foto: Spezia Calcio)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.