8 Ottobre 2020 - 10:45

Quel messaggio per il mister, lo Spezia sempre in mente. Ora Nzola è pronto a (ri)prendersi le Aquile

post

Inseguito, cercato, mollato, poi di nuovo avvicinato. L’estate di Mbala Nzola è stata un po’ così, da vivere alla giornata ma con un preciso obiettivo in mente: tornare a vestire la maglia di quello Spezia che tanto lo ha fatto maturare in pochi mesi, ancora con quell’allenatore che non solo sembra sempre infondergli fiducia, ma riesce ad esaltare le sue caratteristiche come nessuno. In cuor suo l’attaccante sapeva che le sue chances sarebbero passate ancora una volta da Italiano, specie quando la situazione del suo club, il Trapani, un tempo culla dei sogni di entrambi i due protagonisti, si è fatta decisamente insostenibile fino alla parola più disarmante: radiazione.

Un’estate di consapevolezza, di coscienza che non poteva essere stato solo un caso se la sua annata – e forse la sua carriera – avevano preso decisamente un’altra via, se il solo gol segnato nelle prime dodici partite dello scorso campionato (peraltro proprio allo Spezia nello sciagurato 2-4 di inizio stagione) si è tramutato in sei centri in diciassette apparizioni con la maglia bianca, con tanto di rete ammazza-Chievo nella semifinale di ritorno. Nzola ha capito che il suo futuro sarebbe stato lì e non avrebbe potuto essere altrimenti, in quella categoria per molti quasi impronunciabile, ma che quella banda di esordienti si è conquistata con le unghie e con i denti. Un’avventura che non poteva certo fermarsi sul più bello, a quei 900.000 euro di riscatto che la squadra amaranto pretendeva dallo Spezia, ma che ieri è tornata ad intrecciarsi con le ambizioni di questo ragazzone francese dalla voglia matta di divertirsi e divertire. Ancora per tre anni almeno.

Ma forse un pizzico di timore c’era: un brivido che qualcosa potesse andare storto, che potesse arrivare ‘qualcun’altro’. E allora fa quasi tenerezza interpretare – senza nemmeno sforzarsi troppo – quel messaggio di poche parole che l’attaccante ha mandato qualche settimana fa al suo padre calcistico, Vincenzo Italiano, proprio mentre le cose in Sicilia volgevano al peggio: “Riportami a Spezia, ho voglia di segnare e vincere ancora insieme“. Eccoti, Mbala, questa è la tua grande occasione.

E INTANTO SI PRESENTA CON UNA… MAGIA!

One thought on “Quel messaggio per il mister, lo Spezia sempre in mente. Ora Nzola è pronto a (ri)prendersi le Aquile

  1. Ragazzo sensibile sicuramente..e farà bene metterà anima e corpo per ben figurare e non deludere Italiano con quel suo messaggio!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.