20 Ottobre 2020 - 18:03

Meluso: “Lo Spezia è concreto, la condizione cresce. Liverani? Grande rapporto di stima”

post

Il DG aquilotto Mauro Meluso ha preso la parola in sala stampa a commento del pari con la Fiorentina e dell’inizio di campionato dello Spezia. Tanti i temi anche extra-campo trattati con l’uomo mercato aquilotto: 

Sulla partita con la Fiorentina: “Era un’incognita per tutti. Le partite erano state tutte iniziate bene con poi un po’ di sofferenza. Stavolta abbiamo invertito la tendenza: con il Sassuolo e con il Milan c’era un po’ di carenza fisica. La chiave di lettura è quella di una squadra con identità ben precisa e una crescita fisica importante. La condizione è eccellente e abbiamo sfiorato anche la vittoria”.

Sui rinnovi: “Abbiamo già parlato con alcuni agenti, ci sono diversi giocatori in scadenza. Sono fiducioso, credo che i ragazzi che già erano qui si trovino bene. Alcuni erano sul mercato e poi sono rimasti perché sono integrati e si trovano bene, c’è uno staff che li valorizza e tratta tutti alla stessa maniera. Bastoni ad esempio ha fatto una grande partita, lui che era sul mercato. Grande merito va dato a Italiano e ai suoi”. 

Su Liverani: “Con lui abbiamo vissuto anni splendidi, anche l’ultimo nonostante una retrocessione immeritata. Se non ci fosse stata la pandemia probabilmente ci saremmo salvati. Con Liverani ho un grande rapporto professionale e di stima, ci siamo dati molto reciprocamente. L’ho portato a Lecce ma non è merito mio per quello che ha fatto: alla Ternana aveva già fatto un mezzo miracolo. Sa gestire bene il gruppo e ha idee innovative. Insieme a Italiano, Gotti, De Zerbi, Juric sono tutti ottimi allenatori di tradizione italiana. Penso che la nostra scuola stia continuando in maniera importante”. 

Sul Parma: “Ogni partita avrà una storia a sé: conta la tattica ma anche le motivazioni. Non devo dare consigli a Italiano, mi aspetto una buona partita. Le due squadre metteranno in campo un bello spettacolo”. 

Sul pubblico che pretende molto: “Ho sentito qualche critica sul 2-0 con la Fiorentina, ma ci sta perché l’emotività è alta”. 

Sugli acquisti mancanti: “Ismajli e Sena hanno fatto il primo allenamento in gruppo, abbiamo dovuto rispettare alcuni iter burocratici molto lunghi. Entrambi hanno avuto il Coronavirus e hanno dovuto seguire un percorso di recupero importante. In più gli stranieri hanno bisogno di tempo per adeguarsi e per integrarsi. Sono due calciatori interessanti, li abbiamo presi per le loro qualità e li riteniamo utili”. 

Sui tanti assenti del Parma: “Anche lo Spezia ha avuto molte defezioni. Italiano non ha mai cambiato lo spartito, ha un modo di lavorare concreto e guardiamo in casa nostra. C’è una squadra in crescita fisica e mentale. Mi fa guardare al futuro con molta serenità”. 

Sull’attacco: “Il risultato ottenuto a Cesena fa vedere tutto in modo ottimistico. Ma non ci dobbiamo cullare su questo, il calcio sa essere spietato e dobbiamo sempre lavorare. Il risultato con la Fiorentina ci ha detto che anche Piccoli ha fatto bene lavorando per la squadra e Nzola è entrato benissimo. I primi 2-3 giorni era in ritardo fisico, ma in poco tempo è riuscito a ritrovare una condizione quasi ottimale”. 

Sul problema sanitario: “Oggi abbiamo fatto una riunione per rimarcare l’esigenza di essere il più attenti possibili al rispetto delle norme. Ci auguriamo che il vaccino arrivi il prima possibile perché la situazione è un punto interrogativo per tutti”. 

Se col Parma è una gara salvezza: “Non penso che q questo punto del campionato si possa parlare di partita salvezza. Il Parma ha una squadra composta da calciatori importanti, sono arrivati investimenti sui giovani e credo che si debba raccontare di una sfida per una squadra che lotta per la salvezza contro una squadra più rodata. Non sappiamo cosa dirà il campionato”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.