21 Settembre 2022 - 16:16

Dalla Polonia: Kiwior vicino al Milan a cifre monstre. Ma c’è la fila

post

Jakub Kiwior è partito alla volta della Polonia per rispondere alla chiamata della Nazionale insieme ad altri nove compagni in maglia bianca. Un ritorno in patria con tanti occhi addosso, viste le prestazioni brillanti allo Spezia, tanto che in estate ha già avuto molte possibilità di cambiare aria. L’offerta monstre dalla Premier, ma anche l’interesse del Milan nell’ambito dell’affare Maldini-Caldara.

Abboccamento

Nelle ultime ore, stando a quanto riferito dal portale polacco Goal.pl, si sarebbe riacceso un interesse da parte del Milan per il difensore centrale delle Aquile. Secondo le indiscrezioni riportate dal sito, Kiwior sarebbe molto vicino al trasferimento al Milan. E c’è chi giura – stando alle fonti dei colleghi dell’Est Europa – che l’operazione sia già “apparecchiata”. Non vengono forniti ulteriori dettagli in merito, ma certamente quello del centrale sarà un nome molto chiacchierato nelle prossime finestre di trattative.  

Cifra monstre

Secondo quanto riferito da Footmercato, ci sarebbero anche alcuni dettagli in più della possibile cessione. Ci sarebbe già un accordo fra i rossoneri e lo Spezia per un trasferimento di 18 milioni di euro bonus compresi, cifra anche superiore a quella proposta dagli inglesi durante il mercato estivo. Non solo: i due club decideranno se effettuare il trasferimento a gennaio (quindi subito dopo il Mondiale) oppure a giugno (finendo dunque la stagione nel Golfo). Il Milan tenta intanto di trovare anche un accordo con il giocatore.

C’è la fila

Non solo, perché secondo quanto riferito dall’esperto di mercato Nicolò Schira, ci sarebbero anche altri club interessati: si tratta di Juventus, Roma, West Ham, Leicester, Villarreal, che hanno mandato i loro scout a seguirlo nelle ultime partite. 

One thought on “Dalla Polonia: Kiwior vicino al Milan a cifre monstre. Ma c’è la fila

  1. Stabilire passivamente 18 milioni prima del mondiale è da idioti. Dopo il mondiale potrebbe scatenarsi un’asta a cifre ben superiori!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.