5 Maggio 2023 - 09:29

Pessimismo o ottimismo? Da Cremona passa la A dello Spezia

post

In piena sindrome bipolare, tra pessimismo spinto e ottimismo pronunciato, dopo la prevedibile sconfitta in casa dell’Atalanta. Partiamo dal lato cupo della tavolozza: la mancanza di risultati nel girone di ritorno è drammatica, con lo Spezia terzultimo a 9 punti, davanti solo alla Sampdoria a 8 e all’Empoli che con la vittoria di ieri ha dato una bella scossa. Mentre i toscani vivono di rendita grazie ai 25 punti dell’andata, lo Spezia si ritrova a giocarsi tutto o quasi in 90’ a Cremona, contro una squadra che non è mai venuta meno dal punto di vista delle prestazioni e che, vincendo, alimenterebbe ancora speranze di salvezza. Già questo è un elemento di novità rispetto alle due precedenti annate, dove mai lo Spezia si era trovato così immischiato. Pesano i molti punti banalmente persi all’andata, tra rimonte subite e ripetute capitolazioni in zona Cesarini, ma anche un mancato cambio di passo nel ritorno. Dal punto di vista tecnico preoccupa l’assoluta mancanza di contrasto quando l’avversario alza il ritmo. L’Atalanta a inizio ripresa ha deciso che doveva vincere e lo ha fatto senza troppi problemi, realizzando due reti e andando vicino più volte al poker, negato solo da un grande Dragowski.

Occasione irripetibile

Ma qui iniziano anche le ragioni dell’ottimismo, la reazione dopo la tempesta, il secondo gol che riapre la partita e lo Spezia che se la gioca fino alla fine, sfiorando il pari con una prodezza di Verde davvero sfortunata. Il credito con la sorte comincia a essere consistente, gli ottimisti confidano in una riscossione del dovuto a Cremona, magari con Nzola a disposizione. Altro motivo che induce a guardare con un po’ più di serenità è l’avversario diretto, che contro l’Inter ha dimostrato quel che già si sapeva: se la partita è vera, l’Hellas non va neanche a spinta, come scalatori in crisi che si aggrappano alle macchine per evitare il tempo massimo. Come scrive La Nazione, il calendario offre un’occasione irripetibile: gialloblù a Lecce contro un avversario che vuole la vittoria decisiva e lo Spezia a Cremona. Imperativo mettere il muso avanti con quattro giornate alla fine, tutte con spunti da sfruttare: il Milan tra i derby di Champions, il Lecce forse già salvo, il Toro senza più obiettivi, la Roma all’ultima forse reduce dalla finale di Europa League e certa del destino in campionato. 

Votate i vostri tre migliori di Spezia-Cittadella

  • Di Serio (30%, 297 Votes)
  • Verde (29%, 294 Votes)
  • Falcinelli (24%, 236 Votes)
  • S. Esposito (5%, 46 Votes)
  • Nagy (4%, 40 Votes)
  • Mateju (1%, 13 Votes)
  • Zoet (1%, 12 Votes)
  • Mühl (1%, 10 Votes)
  • Moro (1%, 10 Votes)
  • Nikolaou (1%, 9 Votes)
  • Jagiello (1%, 8 Votes)
  • Cassata (1%, 5 Votes)
  • Vignali (1%, 5 Votes)
  • Bandinelli (1%, 5 Votes)
  • P. Esposito (0%, 4 Votes)
  • Elia (0%, 4 Votes)

Total Voters: 386

Loading ... Loading ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *