30 Settembre 2020 - 20:07

PAGELLE SP – Galabinov strepitoso, fattore Rafael: grande prestazione di tutti

post

Questi i migliori e i peggiori di Udinese-Spezia, prima trasferta stagionale delle Aquile in Serie A: 

ZOET 6 – Ordinaria amministrazione nel primo tempo, smanaccia male un cross di Samir che per poco non innesca Okaka. Resta in campo un’ora, poi è costretto a uscire per un problema muscolare in barella. Speriamo non ne abbia per molto. (Dal 62′ RAFAEL 8 – Si presenta con un paratone, poi con due ottime uscite. Non contento nel finale prima para e poi serve a Galabinov il pallone del raddoppio. Vecchio a chi?)

FERRER 7 – Dimostra di potersi prendere la Serie A. Il ragazzo di Tarragona svaria sulla fascia e sembra tornato nella miglior forma. Argina bene le incursioni avversarie dalla sua parte e nel finale prende un giallo di foga agonistica. Ripaga alla grande la titolarità datagli da Italiano 

TERZI 6 – Che prestazione per il capitano! Al ritorno in Serie A ritrova il feeling perduto con la massima categoria. Perfetto nelle chiusure, non rischia niente e registra la difesa in modo impeccabile. Si sacrifica su Lasagna prendendo l’ammonizione, nella ripresa Prontera lo espelle per un secondo intervento scomposto che gli rovina tutto. Peccato, la sua partita finisce al 66′. Mancherà eccome alla difesa contro il Milan.

CHABOT 7 – Sontuosa la scivolata a chiudere su Lasagna lanciato nel primo tempo. Ma non è solo qui la partita del centrale: attento, pulito negli anticipi, fa valere i suoi centimetri in area. Italiano ha trovato il suo centrale.

RAMOS 6,5 – Altri 90′ in archivio per il pupillo di Italiano, che prende botte, cade a terra, resiste. Generoso, non molla mai.

RICCI 6,5 – Segna un gran gol con una botta da fuori, ma il fuorigioco di Verde gli strozza l’urlo in gola. Prestazione sicura e di sostanza, ha dato il segnale di poter tranquillamente stare in A. Si spegne un po’ nel finale e risente di un po’ di stanchezza, ma ha dato tutto.

MAGGIORE 7 – Quanto era mancato Giulio! Da subito dentro la manovra, si fa vedere per una sgroppata sulla mancina che per poco non si traduce nel gol di Verde. Macina gioco senza paura anche contro gli esperti avversari, esce poco dopo l’ora di gioco per lasciare spazio a Pobega. (Dal 68′ POBEGA 5,5 – Ancora imballato ma sulla strada giusta)

DEIOLA 6,5 – Ordinato, sicuro: il ritorno nel Golfo sembra avergli fatto bene. Buon tiro nel primo tempo che finisce sul fondo. (Dal 51′ BARTOLOMEI 5,5 – In ombra).

VERDE 6,5– Ha nelle gambe già molti minuti giocati in Grecia e si vede. Sfortunato sul fuorigioco nel gol annullato a Ricci, poi si mette in proprio non colpendo bene in girata su cioccolatino di Maggiore. Buona tecnica, ottima velocità. Se il buongiorno si vede dal mattino… (Dal 64′ FARIAS 6 – Sostanza e agonismo, peccato per il giallo)

GYASI 6,5 – Spina nel fianco costante per il dirimpettaio Ter Avest. Splendida la percussione a superare Becao che porta all’altrettanto pennellato cross per l’incornata di Galabinov. In crescita rispetto a Cesena, deve migliorare ancora un po’ nella tenuta generale ma può essere molto utile a questo Spezia. (Dal 64′ ERLIC 6 – Ordinaria amministrazione)

GALABINOV – L’ha fatto di nuovo… Ma questa volta due volte. Al posto giusto, al momento giusto: il pallone di Gyasi chiede solo di essere spinto in porta e lui lo schiaccia bene alle spalle di Musso per l’1-0. Tocca i palloni che servono per dare continuità all’azione, partecipa e fa le sponde. Abile e scaltro a tempo scaduto a rimanere in zona offensiva ricevendo l’assist da Rafael: e ora sono tre gol in due partite. Siamo sicuri che serva un bomber?


Allenatore ITALIANO 7,5 – Recupera la vecchia guardia e i risultati si vedono. Nella partita da non sbagliare riesce a partire subito bene e a gestire in corsa una gara che rischiava di complicarsi con l’espulsione di Terzi. Ottime le scelte di Chabot, Ferrer e Verde dall’inizio, il turnover lo ha premiato. E all’orizzonte c’è l’affascinante San Siro…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.