20 Ottobre 2020 - 13:00

Cooperativa Spezia: Italiano ha utilizzato più di 25 giocatori in quattro gare

post

La rosa ampia, tanto decantata da molti esponenti della Serie A, non può che essere una delle prerogative di questo Spezia. La squadra aquilotta è certamente in costruzione ma sta mostrando già l’identità voluta dal suo condottiero Italiano. Il tecnico, in queste prime quattro partite, ha dato spazio a larga parte della sua rosa a disposizione e – considerando i molti assenti – ha messo in campo più di 25 giocatori, 26 per l’esattezza. E non possono essere contati Estevez, Sena, Ismajli, tutti calciatori che ancora non hanno potuto essere schierati perché indietro di condizione e quindi per cause di forza maggiore. Con loro il conto si avvicinerebbe ancora di più a 30. (SCEGLIETE I VOSTRI MIGLIORI IN CAMPO)

Fra i più impiegati spiccano gli interpreti della promozione Ricci e Gyasi, rispettivamente con 329 e 324 minuti giocati, il terzo posto va a Chabot (osservato speciale anche in Germania) con 273. Sopra i 200 anche Sala (233), Galabinov (212 oggi infortunato) ed Erlic (203). A seguire Verde, Ramos – infortunato – e Pobega con 191, 180 e 172. Dati che vanno misurati anche – ovviamente – per coloro che sono ai box: Maggiore (in quarantena) è a quota 157, Terzi 155 (squalificato in due gare su quattro), Zoet 154. A scendere troviamo Deiola (135), Agudelo (128), Ferrer (127), Bartolomei (123), Acampora (121), Rafael (116) e Piccoli (113).

Sotto i 100 minuti in campo ci sono infine sette interpreti: dal portiere Provedel, esordio in campo 90′ con la Fiorentina, fino ai 31 di Luca Mora. In mezzo a un passo dalla tripla cifra c’è Dell’Orco con 99, Marchizza (ai box) 90, Bastoni con 78 – anche lui alla prima con i viola – Farias con 66 e, ovviamente, Nzola con i 35 trascorsi a Cesena contro la squadra di Iachini.
Ancora a caccia della prima presenza Vignali, Krapikas, Agoumé ed Estevez, convocabili ma mai utilizzabili. Oltre ai già citati Ismajli e Sena, resta fuori anche Capradossi, escluso dalla lista fino a gennaio e alle prese con lo smaltimento dell’operazione al crociato. 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.