30 Giugno 2021 - 20:00

Se le parole hanno ancora un loro valore

post

Sono molto felice di poter proseguire questa avventura in riva al Golfo dei Poeti“. Iniziava così il messaggio d’amore tributato da Vincenzo Italiano alla piazza spezzina il 2 giugno, nemmeno un mese fa. Sembra passata una vita, a ripensarci. Parole liberatorie, di riconciliazione, unità di intenti, proferite dopo il rinnovo di contratto firmato con il suo club, lo Spezia, che ha appena salvato al primo anno di Serie A. Un rapporto prolungato fino al 2023, con ampie deleghe sul mercato e una posizione da manager, per una società che ha esaudito ogni suo desiderio. Evidentemente, non è bastato nemmeno questo. Perché quello che ci troviamo a commentare venti giorni più tardi è un panorama totalmente diverso: Vincenzo Italiano ha fatto valigie e rotta verso Firenze per una nuova avventura (leggi qui). Come se nulla fosse mai successo, senza nemmeno salutare. 

Direte voi: le dinamiche del calcio di oggi ci hanno abituato a raccontare situazioni grottesche e impensabili, basti guardare solo alle ultime settimane. E non avete certo torto. Dionisi “tradisce” l’Empoli per sposare il Sassuolo, Inzaghi è pronto a rinnovare con la Lazio ma vola a Milano, Gattuso firma con la Fiorentina e dopo 22 giorni divorzia. Ma parliamoci chiaro: il problema non è che Italiano abbia deciso di lasciare lo Spezia, ma è il come lo ha fatto. Ironia della sorte, se dopo la partita con la Roma fosse salito sulla macchina di Commisso in stile Mourinhiano nessuno avrebbe aperto bocca: la piazza, i tifosi, gli addetti ai lavori, tutti avrebbero capito e sarebbero stati grati per sempre al loro Vincenzo Spezzino. Invece no, ha scelto di farlo dopo aver condiviso un progetto, senza una parola, senza un perché, rovinando di fatto tutto quello che per lo Spezia ha rappresentato. Peccato. Il club che lo ha lanciato, consacrato, fatto apprezzare dal grande calcio, ora finirà per ricordarlo più per questa macchia indelebile che per i momenti indimenticabili passati insieme. Perché si sa, è come in una storia d’amore naufragata: si finisce per ricordare un minuto di tradimento più dei due bellissimi anni di relazione. E ora (forse) qualcuno dovrà spiegare

E a stupire ulteriormente, aggiungiamo noi, è tutto il contorno in cui questo si è sviluppato. Perché l’offerta proposta dalla Fiorentina parla di 1,2 milioni per un biennale: 450.000 euro in più complessivi di quanto gli ha proposto la famiglia Platek. Tanto basta, evidentemente, per passare un deciso colpo di spugna su tutto il presente, perché il calcio ancora una volta di memoria non ne ha. Tralasciando il comportamento della società viola (costretta a riparare a errori tutti suoi), la famosa clausola si paga solo dietro la volontà del diretto interessato. Sarebbe bastato un deciso ‘no comment‘ (atteso da tutti) per spegnere da subito la vicenda. Invece Italiano ha deciso di lasciare una realtà in cui aveva tutto per una in cui rischia di essere uno dei tanti, salendo su un treno che solo pochi giorni fa aveva un altro conducente. Ma queste, da ora in poi, saranno sue preoccupazioni.

Piuttosto sorge spontanea una domanda in tutta questa vicenda: le parole hanno ancora un valore? È così eticamente normale baciare una maglia, giurare fedeltà, sentirsi parte integrante di un mondo e sconfessare tutto alla prima occasione? Da buon siciliano, Vincenzo Italiano dovrebbe conoscere l’importanza della stretta di mano, della parola data. Probabilmente no. Allora a questa domanda proviamo a rispondere noi, da fuori: sì, lo hanno ancora. E sanno essere anche taglienti: perché l’ultima frase ufficiale pronunciata da allenatore dello Spezia Calcio è stata “Sono affezionato a questa città, al suo popolo, alla maglia bianca“. E proprio con queste parole sarà ricordato. Un bel modo, non trovate?

One thought on “Se le parole hanno ancora un loro valore

  1. Credo che questo articolo sia l’espressione e il rammarico di tutta la città è tifoseria..io personalmente gli auguro tutto il bene di questo mondo ma sono oltremodo convinto, che al momento di qualche risultato negativo si pentirà del passo falso che ha compiuto!! Forza Aquile dimostrategli che siete voi ragazzi di parola no lui!! Buon campionato a tutti 💪👍❤

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.